Stampa
TOUROPERATOR. Diario di Vite dal Mare di Sicilia

locandina-touroperator_large

  • Dal 24 febbraio al 18 marzo 2018
  • presso la Biblioteca Classense – Manica Lunga via Baccarini, 3 – Ravenna
    Orari della mostra: 15.00-18.00 nei giorni feriali e Domenica. Chiusura nelle giornate di Lunedì. ingresso libero
  • Artista Massimo Sansavini, a cura di Anna Fiorentini, testi di Valeria Arnaldi, Daniela Brignone, Pietro Bartolo, Davide Rondoni
  • inaugurazione: 24/02/2018 ore 11

mostra itinerante che presenta opere di Massimo Sansavini, realizzate con il legno degli scafi dei migranti continua il suo percorso espositivo e giunge a Ravenna, con il patrocinio di Amnesty International.

Sansavini è l’unico artista ad aver ottenuto l’autorizzazione dal Tribunale di Agrigento per entrare nel girone dantesco del cimitero delle barche di Lampedusa, nell’ex-base americana Loran: qui accanto ai molti scafi, ormai abbandonati, sono rimasti molti degli oggetti personali che hanno accompagnato i viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo verso la speranza di un futuro migliore.

Il legno prelevato dalle imbarcazioni abbandonate è stato trasformato dall’artista in sculture che raccontano i singoli naufragi. A ricordarceli il titolo dell’opera: la data in cui è avvenuto.

Il logo “Touroperator” trae ispirazione dalla scritta Abreit Macht Frei che campeggiava sui cancelli dei campi di concentramento.

Ad organizzare la mostra, l’Assessorato all’immigrazione e la Casa delle Culture del Comune di Ravenna, l’ Istituzione Biblioteca Classense in collaborazione con Rete civile contro il razzismo e xenofobia Ravenna, Coop di mediazione culturale Terra mia, conCittadini – Assemblea legislativa. Regione Emilia-Romagna , con il patrocinio di Amnesty International Italia.

L’iniziativa è programmata in occasione della Settimana internazionale contro il razzismo e la discriminazione razziale.

Touroperator è stata accolta da:Musei San Domenico, Forlì – Parlamento Europeo, Bruxelles – sede della Regione Emilia-Romagna, Bologna – Fondazione Zoli per l’arte Contemporanea, Forlì – Stazione Marittima Zaha Adid, Salerno – Comune di Imola – Arsenale della Marina Regia – Museo del Mare di Palermo.